Le associazioni di volontariato sono una risorsa preziosa per il territorio: oggi, in particolare, molte suppliscono alla carenza di servizi pubblici in campo sociale e assistenziale. Altre, invece, offrono ottimi eventi culturali o momenti di svago.

Qualunque sia la missione, ogni associazione ha molto da offrire ai suoi utenti e i volontari possono vivere bellissime esperienze di condivisione e amicizia. Ma come fare a diffondere e promuovere la propria mission?

Attualmente, molte associazioni, oltre a produrre volantini e pieghevoli, far pubblicare annunci sui giornali paesani e quant’altro, si arrangiano nell’essere presenti sulla rete con pagine social, quando va bene, oppure con siti fatti nei primi anni 2000, nei quali si interagisce attraverso pagine obsolete e che, sopratutto, non rispondono all’esigenza di poter essere navigati dai dispositivi mobile con semplicità, per colpa di un layout statico che non si adatta alla larghezza di qualsiasi schermo (requisito oggi fondamentale ai fini del posizionamento sui motori di ricerca). Inoltre i siti molto vecchi presto non saranno compatibili con le nuove versioni dei browser che, a loro volta, sono aggiornati seguendo alcuni standard, imposti da un consorzio chiamato W3C, che definiscono, in buona sostanza, come deve essere fatto un sito.

Con questo articolo voglio spiegare come un sito web moderno e dinamico dia un valore aggiunto a chiunque desideri compiere una missione per propria volontà e senza volere nulla in cambio.

Avete un sito? Stampate meno

Dato che le pagine social sono meno facili da navigare per chi non ha un account e, comunque, non permettono una grafica personalizzata e ad hoc, si ricorre spesso al materiale stampato per la promozione della proprie attività: ci sono diversi svantaggi.

Anzitutto il prodotto stampato non è aggiornabile (se non a penna per lievi modifiche: orribile!).

Inoltre la visibilità è molto ridotta: solo chi ne ha una copia, per esempio di un volantino o di un pieghevole, o chi ci si imbatte semplicemente, tipo in una locandina o in un manifesto, può avere accesso alle informazioni. Spesso, però, chi nota un manifesto per strada non ha interesse verso la vostra proposta mentre un’altra persona, che non passa di lì, potrebbe anche spostare un suo appuntamento, precedentemente fissato, pur di parteciparvi.

E vogliamo parlare della questione ecologica? Ho lavorato 15 anni in una tipografia e posso assicurare che i solventi e gli inchiostri usati nella produzione di uno stampato non sono certo un toccasana per l’uomo e per l’ambiente; anche l’abbattimento di alberi per la produzione della carta non è da sottovalutare.

Un sito web, invece, permette di arrivare in modo mirato al vostro target, è accessibile ovunque con qualsiasi dispositivo mobile, che oggi non ci abbandona mai, e può essere aggiornato senza costi aggiuntivi e produrre materiale che, poi, va smaltito.

Intendiamoci: non è che il materiale cartaceo diventi del tutto inutile, però se ne riduce molto la quantità necessaria con un notevole risparmio nel tempo.

Un sito web ha anche il vantaggio di rendere le informazioni facilmente accessibili ai non vedenti grazie agli strumenti di lettura vocale integrati nei dispositivi mobile e nei computer.

Un’interessante possibilità è mettere un QR Code sugli stampati che, letto dagli smartphone, per mezzo di apposite app, crea un link a una pagina web cliccabile, evitando così all’utente la scocciatura di scrivere tutto l’indirizzo della pagina.

Un sito permette di arrivare al sodo

Attraverso la rete si possono cercare delle informazioni precise a proposito di qualsiasi argomento, inerente anche alla vostra associazione. Facciamo qualche esempio.

Conosco un’associazione e ho bisogno di sapere qualcosa di specifico su una singola attività. Oppure voglio vedere delle foto di un evento. Può anche essere che desideri consultare un calendario di tutti gli incontri facenti parte di un determinato ciclo.

In casi simili un sito dà modo di arrivare subito alla pagina specifica e, magari, anche al punto desiderato, senza dover fare passaggi intermedi: oggi gli utenti vogliono esattamente questo, semplicità e immediatezza.

Condividete il sito con i “curiosi”

Quando diciamo a parenti, amici o conoscenti che operiamo in un’associazione la prima domanda che ci viene rivolta è: “Cosa fa la tua associazione?”. Naturalmente si risponde con poche e semplici parole; a quel punto, però, l’interlocutore può incuriosirsi e volerne sapere di più.

Pensateci: potrebbe essere un futuro volontario, quindi è interesse vostro dargli modo di approfondire facilmente l’argomento. Come farlo? Condividere un link su WhatsApp, Facebook, Messenger, ecc….

Sul sito è possibile integrare dei link appositi che, facendo risparmiare la fatica di copiare e incollare la url, permettono la condivisione semplice e immediata.

Contattarvi non è mai stato così facile

Una persona vuole contattarvi direttamente: può farlo telefonicamente oppure lasciare un messaggio. A questo proposito esistono i link per le mail: quando vengono cliccati il dispositivo lancia il client di posta predefinito con l’indirizzo email giusto nel campo A: . Non è molto comodo; è preferibile una bella interfaccia con un modulo di contatto dove è sufficiente lasciare i propri riferimenti e scrivere un messaggio, senza aprire altri programmi. Ciò non esclude la presenza di un link “mailto” però offre una bella agevolazione, sopratutto su smartphone e tablet.

Donazioni più semplici

Dal momento che le associazioni vivono di donazioni e raccolte fondi, facilitare i benefattori nella loro opera è decisamente conveniente.

Un sito vi permette questo grazie a una pagina apposita che può contenere:

  • Dati per la compilazione di un bollettino postale;
  • Dati per un bonifico bancario;
  • Bottone di PayPal per accreditare la somma tramite lo stesso PayPal o carta di credito.
  • Codice fiscale per devolvere il Cinque per Mille;

Nei momenti in cui è particolarmente importante raccogliere fondi è possibile fare campagne su Google mirate alle donazioni e al Cinque per Mille.

“Ok, ma quanto costa?”

Tutto questo può essere allettante, ma quanto costa? Tutti ci facciamo questa domanda, tanto più un’associazione che non deve generare utili per definizione. Facciamo quattro conti.

Costi di sviluppo del sito

Per le associazioni che hanno una finalità sociale ho previsto la Promozione Volontariato che permette con 300€ di avere un sito professionale di 5 pagine + la home page che potrebbero essere sfruttate così:

  • Chi siamo – pagina di presentazione con, eventualmente, qualche foto generica di attività svolte;
  • Attivitàdescrizione di tutte le attività di un’associazione;
  • Pagina Eventi – pagina con tutti gli eventi in programma;
  • Sostienici – pagina che parla di donazioni e Cinque per mille;
  • Dove siamo e Contattaciriferimenti, mappa e modulo di contatto;
  • La Home page costituirebbe il sommario dell’intero sito e può servire a mettere in evidenza certi eventi molto importanti, piuttosto che altre iniziative.

È una struttura semplice ma funzionale dove c’è un’organizzazione ragionata dei contenuti.

A questo proposito si tenga presente che in previsione di lavorazioni extra l’offerta sarà comunque valida, nel senso che il costo di ciascuna sarà calcolato in aggiunta singolarmente.

Se non si usufruisce della promozione il costo può arrivare a 500€ per siti semplici.

Il sito sarà sviluppato in WordPress che, per chi non è competente in materia, è la soluzione ottimale per la gestione dei contenuti e permette costi di sviluppo decisamente bassi.

Costo di hosting

Di questo argomento ho già trattato nell’articolo Come progettare e costruire un buon sito web che consiglio di leggere.

Ci sono hosting gratuiti e a pagamento. Nell’articolo prima citato ho già consigliato un hosting a pagamento poiché quelli gratuiti prevedono pacchetti molto limitati.

Non c’è da spendere un capitale; ci sono hosting che con circa 35€ annui ospitano siti web garantendo risorse più che sufficienti per piccole e medie realtà. Rispetto ad altre soluzioni non sarà gran cosa ma è sempre meglio di domini gratuiti o di pagine social.

Aggiornamenti tecnici

Il sito non va aggiornato solo dal punto di vista dei contenuti ma anche sotto l’aspetto tecnico.

Se il sito è fatto con WordPress lo stesso WordPress, i plugin e il tema vanno aggiornati costantemente per non imbattersi in problemi tecnici e per diminuire le possibilità di attacchi ad opera di hacker.

In assenza di applicazioni particolarmente complesse gli aggiornamenti possono essere fatti in autonomia, quindi questa voce di costo può non essere conteggiata. Se, invece, si decide di affidarsi a un professionista le condizioni di questo servizio vanno concordate.

Quanto si viene a spendere e perché conviene

Dopo aver specificato le voci di spesa utili per fare le opportune valutazioni facciamo quattro conti:

  • Sito web → 300€
  • Hosting → 35€
  • Varie ed eventuali → 65 € (cifra stimata e facoltativa)

In totale fanno 400€ la prima volta, poi annualmente si avrà il servizio di hosting ed eventuale assistenza (se necessaria).

Sembrano tanti soldi ma provate a pensare a quello che spendete per fare volantini, locandine e manifesti che poi non servono più e dovete buttare.

Qualcuno può dire: “Beh, io con la pagina Facebook sono già a posto!” Io non posso discutere le vostre necessità; tuttavia penso che, per tutti i vantaggi che abbiamo elencato, valga la pena investire una cifra come questa, anche perché, abbiamo detto, il sito facilita le donazioni e permette di fare campagne su Google mirate alla raccolta fondi.

Ultima considerazione: ho sentito diversi casi di persone che hanno commissionato il sito a cifre più basse salvo poi lamentarsi per una qualità del lavoro decisamente scadente. Un sito è la vostra vetrina e vale la pena allestirla bene: vi porterà soci, utenti e donazioni. Qualora ci fossero problemi a pagare possiamo sempre trovare insieme una soluzione ottimale anche per questo.

Io sono volontario dell’Associazione Gruppo Alice di Saronno, per la quale ho fatto il sito, conosco bene le esigenze e i problemi di una realtà come la vostra: sarò lieto di incontrarvi e di studiare, insieme a voi, la soluzione migliore per contenere i costi garantendo, allo stesso tempo, un sito di qualità che permetta di centrare i vostri obiettivi e portare avanti con soddisfazione la vostra mission.

Share This